Per andare dove volevo andare

È capitato diverse volte che mi chiedessero “Ma perché proprio le lingue?”.
Chissà se a un ingegnere chiedono mai “Ma perché proprio l’ingegneria?”. Però immagino che ogni corso di studî rechi con sé il suo tormentone, basti pensare ai poveri psicologi che si sentono dire in continuazione “Io capisco un sacco le persone, sono anch’io un po’ psicologo, hi hi hi!”. Continua a leggere

Annunci

Come essere felicemente bassi e sopravvivere (davvero) ai concerti

Iniziamo con un importante disclaimer: sono bassa. Non così bassa da non poter salire sulle montagne russe a Disneyland, ma abbastanza da mettermi sulle punte per prendere le cose meno costose sugli scaffali del super.
Questa caratteristica, che per me non è mai stata un cruccio – neanche in adolescenza, quando ero cintura nera terzo Dan di crucci – va gestita come tutte le altre cose del proprio corpo: sei miope, devi portare gli occhiali; hai la pelle molto chiara, devi usare sempre la protezione solare in estate; sei basso, devi sapere come muoverti ai concerti.
Continua a leggere

Laura Palmer per amica

Molte delle persone che conosco vorrebbero giornate di almeno trentasei ore: “per fare più cose”, dicono. Il piccolo Murphy che vive nella mia testa, però, sa bene che ne deriverebbe soltanto una maggior quantità di non meglio identificati fastidî e non risolveremmo granché. Ecco perché io invece vorrei che nelle canoniche – e sufficientemente ricche di insidie – ventiquattro ore di ogni giornata ci fosse semplicemente più tempo per fare le cose che mi piacciono. Ed è in questo utopico mondo che, tra mille altre cose più o meno frivole, io riuscirei anche a guardare tutti i telefilm che mi interessano.  Continua a leggere

Come consegnare entro ieri e godersi l’arcobaleno

Dal brillante creativo al meticoloso piastrellista, chiunque abbia a che fare per lavoro con la figura mitologica del Cliente – metà (se tutto va bene) essere umano, e metà pura Esigenza – attraversa un percorso di emozioni più o meno standard che partono dal momento in cui il lavoro viene commissionato fino a quello della sua realizzazione-completamento-consegna. Continua a leggere