Frivolezza a corte

Una delle caratteristiche principali delle cerimonie nuziali è il ricamo.
Non il ricamo dell’abito della sposa, ma il taglia-cuci-ricama di commenti su cerimonia e ospiti.
E ieri ben 2 miliardi di persone sono state invitate a un matrimonio: quello del Principe William Arthur Philip Louis d’Inghilterra e Miss Catherine Elizabeth Middleton (semplicemente perfetta. Anche nel saluto: all’andata ragazzotta esagitata, al ritorno perfetta principessa, anche se principessa ancora non è). Senza l’impegno del regalo, del vestito, del viaggio.

Royalwedding1Cosa resta? Il ricamo. Che lo abbiate seguito (o subìto) in tv, su internet, commentato in diretta su facebook, twitter, flickr, tumblr, l’atto è lo stesso: taglia-cuci-ricama.
Un evento da studiare, dal punto di vista mediatico. Ma non è il mio mestiere.
Io ero là, in pieno multitasking tra il lavoro e la cerimonia, sobria e seria come una mise da concerto di Rick Wakeman.
Sullo schermo, una passerella di fauna incappellata e sorridente.

Royalwedding2

 

Oddio, non proprio tutti sorridenti. Per far sorridere Victoria Beckham bisogna farle il solletico per sei mesi. Nemmeno ieri sorrideva, orgogliosamente infagottata nel suo sacco di patate Selenella da lei stessa disegnato. Un trionfo di gioia, tutta di blu scuro vestita, trucco nero, extension lunghissime e nere, e cappellino pericolosamente obliquo. A dare un tocco di colore al tutto, scarpe e borsa: nere. Nonostante ciò, aveva un’allure di classe e una forma tutta sua di contentezza, che attenuava persino la sua solita espressione “Checcazzovuoi”.

 

 

Royalwedding3Sorridenti e colorate, invece, le figlie della non-invitata Sarah Ferguson, Eugenia e Beatrice. Una con in testa una barchetta ripiena di fagiani, e l’altra – vestita color tortora – ha saputo del matrimonio all’ultimo e quindi ha dovuto scardinare il fregio da un cancello e usarlo come cappellino.

Royalwedding4Zara Philips, cugina dello sposo. In testa ha optato per un sobrio vinile dei Rockets, e addosso ha messo uno dei loro costumi di scena, da abbinare a un accompagnatore preso direttamente dal gruppo.

Royalwedding5La principessa Anna, madre di Zara nonché zia dello sposo, arriva raggiante avvolta in un Granfoulard Bassetti; ma rispetta la tradizione che vuole – in tutto il mondo occidentale – la Zia Dello Sposo col cappello con la veletta e la borsetta sottobraccio.

Royalwedding6La Duchessa di Cornovaglia Camilla. Indossa più roba possibile per coprirsi, e questo le fa onore. Anche lei – come farà pure la Regina – non resiste al richiamo di usare un copricapo commestibile: conscia della lunghezza della cerimonia (e poi anche da loro usa che gli sposi vadano a farsi le foto prima dell’inizio del ricevimento), sceglie di mettere in testa un gigantesco cracker di gamberi.

Royalwedding7Last, but non sia mai least, la Regina. Impeccabile nell’abbinamento dei colori (si abbina persino al prete), sceglie come copricapo una bavarese al limone. I soliti ben informati dicono che il marito abbia tentato di azzannarle la testa durante un calo di zuccheri avuto nel corso della cerimonia.

Royalwedding8

Qualcuno vorrebbe che anche da noi ci fossero “Royal Wedding”. Io dico che certe cose è meglio lasciarle a chi le ha da secoli nelle proprie tradizioni e guardarle così, da lontano, affacciati a un balcone. E poi, in Italia non lo faremmo mai così bene: ci faremmo prendere dalla smania di essere (radical) chic e rinunceremmo persino alla cascata di prosciutto.

Royal Wedding Photos © Press Association / AFP

Annunci

Un pensiero su “Frivolezza a corte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...